Fino ad ora non vi ho parlato nel nostro Blog della sensazione incredibile che sto vivendo in questi giorni… come saprete il giorno di San Valentino ho portato avanti il mio percorso realizzando un sogno… quello di darmi la possibilità di vedere il mio corpo “magro” senza pelle in eccesso… ormai sono passate due settimane ed i risultati si iniziano ad intravedere… presto vi racconterò com’è stata l’operazione, il post intervento e che effetto mi fa sbirciare sotto la guaina per scoprire la nuova Me. Oggi torneremo a parlare di quel momento in collegamento con Barbara D’Urso per Pomeriggio 5… probabilmente mi vedrete entusiasta, sempre più emozionata e insieme al mitico Prof. Lorenzetti ci ritroveremo a difendere la mia scelta… ecco… a voi che dico tutto volevo far leggere le grandi emozioni vissute la notte prima di quella importante data… emozioni che ho condiviso con Barbara D’Urso in una mail scritta “col cuore”…

Cara Barbara,
tra poche ore il mio sogno prenderà forma e questo lungo percorso si concluderà con un grande finale di quella che può sembrare una favola ma favola non è… E’ la mia Vita… è la storia di una bambina dalle guance morbide e lo sguardo furbetto… una bimba golosa e curiosa… la più piccola della classe ma solo per l’età perché la mia fisicità è sempre stata molto evidente. Nonostante quella ciccia in più non volevo rinunciare a niente… volevo essere come le mie amichette… studiare danza e partecipare al saggio orgogliosa di esserci anche se poi l’insegnante mi posizionava nell’ultima fila e non perché non ero brava… anzi… semplicemente perché non ero magra. Non lo ero Barbara, mi piaceva mangiare e tanto… non mi importava di ingrassare… neanche quando i bambini all’uscita di scuola mi gridavano ridendo “Ecco il Gabibbo!”… mentre io facevo finta di non ascoltare. Ero un’adolescente dal seno prosperoso ed i fianchi larghi… esuberante… sempre allegra… mi facevo notare ovunque per la mia personalità imponente quanto il mio corpo… mi difendevo… cercavo di piacere per ciò che ero dentro consapevole che l’esteriorità a confronto delle mie coetanee era difficile da far apprezzare a quell’età.
Non è stato facile essere “Obesa” per una vita intera… ciò che per una magra era piacere per me diventava un problema… non mi vestivo con ciò che mi piaceva realmente perché la mia taglia nei negozi non c’era mai e mi ritrovavo spesso a piangere nei camerini, nei ristoranti mi sedevo con le spalle al muro per essere sicura di non essere osservata dove non volevo, nel mio armadio esisteva una collezione di maglie lunghe, larghe e nere… era l’unico modo per sentirmi “gradevole” coprendo il più possibile ogni difetto.
I miei genitori hanno provato in ogni modo a convincermi a stare attenta… a farmi seguire da un nutrizionista… ma niente. Ho passato una Vita a pensare che sarei rimasta in quel corpo per sempre… e mangiavo… continuamente… mi abbuffavo a più non posso… e continuavo a sorridere fingendo agli altri che mi piacevo così ma stavo mentendo a tutti… anche a me stessa. Poi un giorno è cambiato tutto… ho deciso di guardare il mio riflesso allo specchio e affrontare i miei complessi… ho messo alla prova la mia forza di volontà ed ho iniziato un percorso fatto di equilibrio, benessere, salute, sport… tutte parole che non riuscivo a comprendere e che mi annoiavano… parole che mi facevano pensare alla fatica ma poi ho scoperto di trovare addirittura affascinante un percorso faticoso e fatto di sacrifici perché ogni piccolo risultato era per me un momento indimenticabile.
Con gli anni ce l’ho fatta Barbara… ho cambiato il mio aspetto e l’ho fatto con la mia forza ma come sai quel che è rimasto sul mio corpo non l’ho potuto combattere… quella pelle in eccesso è rimasta ogni giorno, ogni estate al mare nascosta sotto un pareo, ogni volta che mi guardavo allo specchio e continuavo a non piacermi nonostante tutto… mi chiedevo “ma perché non posso essere felice come merito?”.
Oggi la risposta è “Sì… Posso!”… il mio corpo sta per cambiare ed è grazie a Te e al Prof. Lorenzetti che ho scelto di affrontare con coraggio questo sogno fino in fondo… mi avete fatto sentire speciale… mi avete dato la spinta verso il grande finale… ed oggi, finalmente, nonostante la paura che ho da sempre anche semplicemente di un ago… sto per sdraiarmi in una sala operatoria per prendermi ciò che mi spetta… ciò per cui ho lottato: il mio corpo finalmente Magro…
Per chi non ha vissuto in prima persona la favola del “Brutto Anatroccolo” tutto questo può sembrare difficile da capire… può apparire un discorso superficiale… ma per chi in quel corpo d’anatroccolo ci sta passando una Vita intera so che questa esperienza sarà una spinta in più verso quel sogno da realizzare… perché se ce l’ho fatta io ce la può fare chiunque!
Barbara… ci siamo… sto per trasformarmi in un bellissimo Cigno e questa è la prova che se ci crediamo davvero le favole esistono…
Ti voglio Bene.
GRAZIE… col cuore… Mary